Benvenuto sul sito della Corte d'Appello di Trieste

Corte d'Appello di Trieste - Ministero della Giustizia

Corte d'Appello di Trieste
Ti trovi in:

Patrocinio a spese dello stato in materia Penale

PATROCINIO A SPESE DELLO STATO - MATERIA PENALE

Può chiedere di essere ammesso al patrocinio l'indagato, l'imputato, il condannato, la persona offesa dal reato il danneggiato che intenda costituirsi parte civile, il responsabile civile o civilmente obbligato per la pena pecuniaria che sia titolare di un reddito imponibile ai fini dell'imposta personale sul reddito, risultante dall'ultima dichiarazione, non superiore ad € 9.296,22 (art. 76 co. 1).

Oltre i cittadini italiani possono essere ammessi al beneficio (art. 90):

  • gli stranieri
  • gli apolidi residenti nello stato

l'ammissione al patrocinio è esclusa (art. 91)

  • per l'indacato, l'imputato o il condannato per reati commessi in violazione delle norme per la repressione dell'evasine in materia di imposta sui redditi e sul valore aggiunto
  • se il richiedente è assistito da più di un difensore
  • se e dal momento in cui l'ammesso nomina un secondo difensore

L istanza (art. 79) (modello scaricabile in allegato) è redatta in carta semplice (art. 79 co. 1)
può essere proposta in ogni stato e grado del processo (art. 78 co. 1)
deve essere sottoscritta dall'interessato a pena di inammissibilità (art. 78 co. 2)
la sottoscrizione deve essere autenticata con una delle seguenti modalità (art. 78 co. 2):

  • dal difensore
  • apposta in presenza del dipendente addetto a ricevere l'atto
  • accompagnata da una copia anche non autenticatadi un documento di identità del sottoscrittore (vedi art.38 co. 3 D.P.R. 445/2000).

deve contenere, a pena di inammissibilità (art.79):

  • la richiesta di ammissione al patrocinio
  • l'indicazione del processo a cui si riferisce, se pendente
  • una dichiarazione sostitutiva didichiarazione (ai sensi dell'art. 46 comma 1 lett.o) del D.P.R. 445/2000) attestante la sussistenza delle condizioni di reddito con la specifica indicazione del reddito complessivo determinato secondo le modalità previste dalla legge
  • l'impegno a comunicare, finchè il processo non sia definito, le variazioni rilevanti dei limiti di reddito relative all'anno precedente entro 30 giorni dalla scadenza del termine di un anno dalla di presentazione dell'istanza o dalla eventuale precedente comunicazione

va presentata esclusivamente dall'interessato o dal difensore o inviata a mezzo raccomandata:

  • all'ufficio del magistrato davanti al quale pende il processo (art. 93 co.1)
  • il difensore può presentare l'istanza direttamente in udienza (art. 93 co.2)
  • se procede la Corte di Cassazione l'istanza è presentata all'ufficio del magistrato che ha emesso il provvedimento impugnato (art. 93 co.1)
  • il richiedente detenuto, internato in un istituo può presentare l'istanza con atto ricevuto dal direttore (art. 93 co.3)
  • il richiedente in stato di arresto o di detenzione domiciliare può presentare l'istanza con atto ricevuto da un ufficiale di polizia giudiziaria (art. 93 co.3)

nel caso di impossibilità di produrre la documentazione

  • prevista dall'art. 79 co. 2 il cittadino appartenente a stati non appartenenti all'Unione Europea la sostituisce con una dichiarazione sostitutiva di certificazione (art.94 co. 2)
  • prevista dall'art. 79 co. 2 la stessa è sostituita, a pena di inammissibilità, da una dichiarazione sostitiva di certificazione da parte dell'interessato (art.94 co. 1)

DECISIONE SULL'ISTANZA

il magistrato competente decide sull'istanza (art.96 co. 1)

  • nei 10 giorni successivi a quello in cui è pervenuta l'istanza di ammissione
  • immediatamente se l'istanza è presentata in udienza

il magistrato dichiara inammissibile, concede o nega l'ammissione con decreto motivato

  • il decreto viene depositato in cancelleria
  • del deposito è comunicato avviso all'interessato
  • il decreto pronunciato in udienza è letto e inserito nel verbale. La lettura sostituisce l'avviso di deposito se l'interessato è presente in udienza (art.92 co. 2)
  • l'interessato o il suo difensore possono estrarne copia

RICORSO

avverso il provvedimento di rigetto dell'istanza l'interessato può proporre ricorso (art.99 co. 1)

  • entro 20 giorni dalla comunicazione dell'avviso di deposito
  • davanti al Presidente del Tribunale o davanti al Presidente della Corte di Appello ai quali appartiene il magistrato che ha emesso il provvedimento
  • l'ufficio giudiziario procede in composizione monocratica (art.99 co. 2)

il processo è quello speciale previsto per gli onorari di avvocato.
l'ordinanza che decide sul ricorso è notoficata entro 10 giorni

  • all'ufficio del magistrato che procede
  • all'interessato
  • all'ufficio finanziario

contro l'ordinanza può essere proposto ricorso per cassazione per violazione di legge
il ricorso non ha effetto sospensivo

Lista degli allegati

Allegati

Torna a inizio pagina Collapse